Trasporti — Progetto 1


Ristrutturazione totale a Kipferwald

André Jossen

Direttore dei lavori, Berna/Alto Vallese, Briga

La Matterhorn-Gotthard-Bahn ha rinnovato l’area binari, i muri di sostegno e il sistema cavi a Kipferwald, quest’ultimo a cura di Arnold AG. Dopo il completamento nell’ottobre 2019, a causa di una caduta massi è stato nuovamente necessario un intervento rapido da parte del costruttore della rete

Quando è bel tempo, alle sette del mattino il cielo si accende nella Mattertal. Uno spettacolo di cui anche Arnold AG ha potuto godere, poiché l’azienda è riuscita a convincere la Matterhorn-Gotthard-Bahn (Ferrovia Cervino-Gottardo, o in breve MGB) dei suoi meriti nella gara d’appalto per i lavori sugli impianti a cavo di Kipferwald. Kipferwald si trova nella Mattertal, non lontano da St. Niklaus, sulla strada tra Visp e Zermatt.

Dopo una fase di pianificazione e coordinamento durata un anno, Arnold ha potuto iniziare a lavorare a Kipferwald nel settembre 2019. La commessa riguardava la posa dei cavi nel perimetro della linea di circa 2,0 kilometri. Si trattava di installare cavi di telecomunicazione in rame e fibra ottica e un cavo a bassa tensione. In un secondo momento i nuovi cavi di telecomunicazione sono stati collegati come manicotti di giunzione nel locale tecnico situato all’esterno sull’area binari e anche nelle cabine di distribuzione. Nell’ambito del progetto Arnold si è occupata anche del coordinamento della logistica, del personale di sicurezza e di altre terze parti.

Le principali sfide del progetto sono state l’accessibilità dei luoghi di lavoro, la gestione del tempo, il coordinamento e la dipendenza da terzi. Per raggiungere i luoghi previsti, è stato necessario utilizzare diversi mezzi di mobilità. Anche la gestione del tempo era soggetta a diversi fattori e richiedeva un’abile pianificazione, rendendo il lavoro ancora più eccitante. Fondamentalmente tutto doveva essere spostato con pesanti escavatori, mentre il tracciato stesso poteva essere raggiunto solo con una postazione d’installazione via veicolo. Per raggiungere il locale tecnico e i manicotti, è stato necessario anche percorrere sentieri a piedi. Durante la normale circolazione ferroviaria tra Visp e Zermatt dalle 05:00 alle 23:30, inoltre, è stato necessario dividere i lavori, poiché un treno in transito non può essere semplicemente fermato sui binari.

D’altronde la MGB doveva adempiere alla sua missione di garantire il servizio dalle 05:00 alle 23:30 tra Visp e Zermatt. Pertanto l’area binari non poteva essere utilizzata per i lavori di installazione durante i turni diurni. Per motivi di sicurezza i lavori vengono interrotti nel perimetro del cantiere quando un treno attraversa il passaggio. Su questo perimetro di linea ciò avviene in media ogni 13 minuti. La MGB aveva già fissato da tempo la data per la chiusura completa della linea ferroviaria per la ristrutturazione totale, quindi tutto doveva funzionare secondo i piani e in modo ben coordinato. Il materiale è stato quindi portato in anticipo nei luoghi designati durante vari turni di notte, velocizzando i lavori di installazione dei cavi durante i turni di giorno. Dopo il completamento del sistema di condotte, i cavi sono stati inseriti e tesati. Nonostante l’organizzazione scaglionata della ristrutturazione totale, il cliente ha deciso di sostituire le linee per l’intera fase di lavori già in questo momento e di installare nuovi cavi di telecomunicazione in rame e fibra ottica, nonché il cavo a bassa tensione. L’impresario costruttore ha quindi posato due tubi in PE provvisori lungo le rotaie. Dopo la fase di costruzione, durata un mese, è stato messo in funzione il nuovo blocco di cavi. Tutto è andato secondo il consueto standard della MGB. Tuttavia, quando un forte temporale si è mosso sul Vallese appena due giorni dopo, nella zona del cantiere si è verificata una caduta di massi che ha danneggiato parte del blocco di tubi, la catenaria e l’area binari. Coordinandosi con la MGB, Arnold è stata in grado di riparare tutti i cavi molto rapidamente. Il normale funzionamento è ripreso dopo poche ore di interruzione.

Condividi l’articolo

Anche questo potrebbe interessarti