Trasporti— Ritratto dei collaboratori


Cédric Glaus

Capo montatore/capo-cantiere

Data di nascita: 29. Januar 1982 Lavora presso Arnold AG dal: Juni 2019

Come si svolge la tua giornata lavorativa tipica?

La mia giornata inizia sempre con un primo resoconto dei cantieri realizzati il giorno prima con i miei colleghi montatori. Poi mi occupo della parte amministrativa dei cantieri: devo preparare gli ordini di materiale per i fornitori e programmare i lavori e gli incontri con il committente. Inoltre visito i cantieri per assicurarmi che procedano senza problemi.

Cosa ti piace di più del tuo lavoro?

La mia passione per questo lavoro nasce dalla varietà dei compiti che mi vengono affidati. Da un lato c’è la parte in ufficio che consiste nella preparazione dei dossier tecnici, delle riunioni e delle relazioni con i clienti. Dall’altro c’è la parte sul campo, che consiste nel verificare che il lavoro venga svolto correttamente. Le due facce di questo lavoro sono entrambe molto interessanti e varie.

Come descriveresti una giornata lavorativa riuscita?

La mia giornata ha successo quando tutto ciò che è stato pianificato nelle settimane o nei mesi precedenti va esattamente come previsto, senza dover fare grandi cambiamenti a breve termine.

«Penso che sia il fatto che i suoi diversi progetti tocchino svariati ambiti. Secondo me è segno di una certa ambizione e di una bella motivazione a vedere le cose in grande»

Cédric Glaus, Capo montatore/capo-cantiere

Qual è, tra le storie vissute da Arnold, quella che non dimenticherai mai?

Durante la mia prima settimana in Arnold, il responsabile di progetto mi ha chiesto di andare ad assistere un team di cablatori in un cantiere per tesare un cavo in fibra ottica. È stata una bella prima esperienza sul campo in casa Arnold ed è ancora impressa nella mia memoria.

Parlaci di un sogno che hai già realizzato...

Uno dei miei sogni era sciare in piena estate su un ghiacciaio e ci sono riuscito. Ora devo fare in modo di poter concretizzare gli altri.

Se la tua vita fosse un libro, che titolo gli daresti?

Sicuramente «La vita è bella»!   

Se fossi un animale, quale ti piacerebbe essere e perché?

Direi un elefante. È un animale forte, intelligente, che si fa rispettare e segue le sue idee fino in fondo. Cos’è per te la felicità?

Per me la felicità e ciò che conta di più nella vita è condividere i bei momenti con la famiglia e gli amici.

Das könnte Sie auch interessieren

Mitarbeiterportrait

Tanja Steiner

Energia

Mitarbeiterportrait

Dominique Nussbaum

Telecom

Mitarbeiterportrait

Dzevad Sepic

Acqua

Condividi l’articolo

Anche questo potrebbe interessarti